Landini, Francesco (ca. 1325–1397)

Variant names Landino, Franciscus; Magister Franciscus de Florentia; Magister Franciscus Coecus Horghanista de Florentia; Francesco degli orghani, da Firenze; Cechus de Florentia
Compositions
Composition Appears in
A le' s'andra lo spirto e l'alma mia
Abbonda di virtù che e' sança viçio
Acurr' uomo acurr' uom soccorri tu
Adiu, douce dame jolie
Agnel son bianco e vo belando
Allexandra lo spirit' e l'arma mia
Altera luc' ed angelic' aspetto
Altri n'ara la pena ed io 'l danno
Ama ama donna chi t'ama in pura fede
Amar si li alti tuo gentil costumi
Amor ch'al tuo suggetto mai da' lena
Amor con fede seguito sperando
Amor in te spera' gia lungo tempo
Amor in uom gentile è una luce
Angelica bilta venut' e in terra
Appress'un fiume chiaro
Ara' tu pietà mai di ma o giovinetta
Benche crudele siata state fera
Benche la bionda treça
Benché ora piova, pur buon tempo aspetto
Cacando un giorno vidi
Cara mie donna i' vivo oma' contenta
Caro signor, palesa tuo leggi' a coste' che non à sdegno
Che cosa e quest' amore che 'l ciel produce
Che fa che pensi che cercando vai
Che pen' e' quest' al cor che si non posso
Che piu le vuol sapere quel men le sa
Chi pregio vuol in virtu pong' amore
Chom' a seguir costei amor fu presto
Com' al seguir costei amor fu presto
Con gli ochi assai ne miro
? Contemplar le gran chose c'e onesto
Contemplar le gran cose c'e onesto
Conviensi a fede fe' conviensi amore
Cosa nulla più fe' ch'amor richiede
Cosi pensoso com amor mi guida per la verde rivera
D'amor mi biasmo chi ch'esse ne lodi
D'appo' c'a te rinasce 'l crudo core
Dapoi che va mia donna in altra parte
Dapoi che vedi 'l mie fedel amare
De sospirar sovente
Debba l'anim' altero in cio che da' / Debba l'anim' altero in cio che da'
Deh che mi giova di mandar merçede
Deh dimmi tu che se' cosi fregiato
Deh non fuggir da me tuo vaga vista
Deh pon quest'amor giu
Deh volgli gli ochi a me donna per cui
Divennon gli ochi mie nel partir duro
? Dolcie signore poich'ai le degnie greggie
Donna 'l tuo partimento. Lascia tanto smarrita
Donna che d'amor senta non si mova
Donna con vo'rimane
Donna gia fu' gentile innamorata
Donna i' prego amore il qual m'a fatto
Donna l'animo tui pur fugge amore
Donna la mente mia e si 'nvaghia del tuo gentil aspetto
Donna la mie partenza
Donna languir mi fai
Donna leggiadra e bella che con le vostre
Donna per farmi guerra o per mal dire
Donna perche mi spregi et ami altrui
Donna s'i' t'ò fallito
Donna se 'l cor t' o dato
Donna tu prendi sdegno
Duolsi la vita et l'anima. Che donna non fu libera
Ecco la primavera che 'l cor fa rallegrare
El gran disio e la dolce sperança
El mie dolce sospir qual move 'l core
Fa metter bando et comandar amore
Fatto m'a serv'amore
? Fili parien ben d'oro i suo' chapelli
Fior di dolceça sei
? Florencia mundi speculum
Fortuna ria amor e crudel donna
Fra mille corvi una cornachia bianca
Gentil aspetto in cui la mente mia
Giovine donna vidi star selvaggia
Giovine vaga i' non senti' gia mai
Giunta vega biltå on gentilezza
Già d'amore sperança ebbi ma or da me tutt' e fuggita
Già ebbi libertate di me or l'o perduta
Già non biasim' amor po' che mie pecto ferì per donna
Già perch' i' penso nella tuo partita
Gli ochi che 'n prima tanto bel piacere
Gran pianto a gli ochi
Guard' una volta 'ncia verso 'l tuo servo
? Haec medela corporalis fructum
I' fu' tuo serv' amore in verde etate
I' non ardischo mostrar el tormento
I' piango lasso 'l tenpo ch' e passato
I' prego amor e la vostra bilta'
I' vegio c'a natura piacque et piace
Il suo bel viso che guardar mi toglie
In somm' alteça t' å posta natura
Kyrie eleison = Ballata Questa franciulla
L'alma leggiadra del tuo viso pio
L'antica fiamma e 'l dolce bel disio
L'aspetto e qui et lo spirito no
L'onesta tuo bilta done amore
La bionda treçça del fin or colore
La dolce vista
La dolce vista che dagli ochi move
La mala lingua d'ogni mal radice
La mente mi riprende. Che per altra lasciai
Lasso di donna vana innamorato
Lasso per mie fortuno post'amore
? Leonarde pater inlite minorum ductor ordinis
? Lucea nel prato d'amorosi fiori
Lucea nel prato d'amorosi fiori
L’alma mie piang’e ma’ non può aver pace
Ma' non s'andrà per questa donn' altera
? Marce Marcum imitaris Amen.
Mostrommi amor giå fra le verdi fronde
Muort' i'oramai deh misero dolente
Musica son che mi dolgo piangendo / Già furon le dolceçe mie pregiate / Ciascun vuole narrar musical note
Nascoso el viso stava fra le fronde
Nella mie vita sento men venire
Nella partita pianser gli ochi miei
Nella piu cara parte del mi chore
Nella tuo luce tien la vita mia
Nessum provo giå ma' si rie fortuna
Nessun ponga speranza nella suo giovinezza
Non a Narcisso fu piu amar lo spechio
Non avrà ma' pietà questa mia donna
Non creder donna che nessuna sia
Non do la colp' a te del duol ch' i' porto
Non per fallir di me tuo vista pia
Né 'n ciascun mie pensiero
O fanciulla Giulia. Con te sarà
O perlaro gentil gentil che dispogliato
O pianta vaga che nell'alto monte
O tu cara scienza mia musica
Occhi dolenti mie che pur piangete
Ognor mi trovo piu d'amor costretto
Or e tal l'alma mia
Or è ctal l'alma mia. Per costei diventura
Orsun gentili spiriti ad amar pronti
Oymè el core non più ardore
Partesi con dolore el corpo vita mia
Per allegreça del parlar d'amore
Per la 'nfluença di Saturn e Marte
Per la bellezza che mie donn' adorna
Per la mie dolçe piaga che per gli ochi
Per seguir la sperança che m' ancide
Per servar umiltà la mente spera
Per un amante rio tal pena sento
Perche di novo sdegno el petto di mie donna / Vendetta far dovrei. Ma la ingiuria
Perche' virtu fa l'uom costant' e forte
Piu bella donn' al mondo ma' non sia
Poiché amor ne' begli ochi pur non veggio
Poiché da te mi convien partir via
Poiché di simil foco ardi du' amanti amore
Poiché partir convien mi donna cara
Posando sovra um aqua
Posto che dall' aspetto si' allungato
? Principum nobilissime ducatum Venetorum
Quando la stella press' a l' alba spira
Quanto più caro fai. Donna ghuardam' un pocho
? Quanto più caro fai. Donna guardarm' un poco
Quel sol che raggia sempre nel cor mio
Questa fanciull' amor fallami pia
S' i' fossi certo del dover morire
S' i' ti son stato et vogli' esser fedele
S'andra' sança merçe di tenpo in tempo
Se la nimica mie fortuna more
Se la vista soave
Se merçe donna merita 'l servire
Se pronto non sarà l'uom a ben fare
Sedendo all'ombra d'una bella mandorla
Selvaggia fera di Diana serva
Senpre giro caendo 'l nobil viso / Senpre giro caendo 'l tuo bell viso
Si dolce no sono con lir' Orfeo
Sia maledetta l'or 'l di ch'io venni
Somma felicita sommo tesoro
Tante belleçe in questa donna stanno
Togliendo l'una all'altra fogli' e fiori
Tu che l'oper' altrui vuo' giudicare
Una colomba candida e gentile
Va pure amore colle reti tue
Vaga fanciulla leggiadr'e vezzosa
Viditi donna già vaga d'amore
Viditi donna giå vaga d'amore
Vita non è più misera e più ria
[unidentified]